Italia e Pakistan, insieme per il lavoro dignitoso e lo sviluppo sostenibile

Dopo aver lanciato la campagna di raccolta fondi a sostengo della popolazione pakistana colpita dalle alluvioni, continua l’impegno di Iscos a fianco del Pakistan.

Da oggi, 3 novembre, farà visita in Italia una delegazione composta da rappresentanti del governo, imprenditori e rappresentanti sindacali provenienti dal Pakistan, che incontrerà le comunità della diaspora pakistana presenti in Italia, in particolare a Milano, Brescia, Bologna e Roma.

La visita è organizzata nell’ambito del progetto “Promotion of Decent Work opportunities for the economic Empowerment of vulnerable segments of society”, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), e implementato dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) e ISCOS. L’iniziativa avviata a novembre 2020, mira da un lato a sostenere la creazione di posti di lavoro e a migliorare gli strumenti di protezione sociale in Pakistan, dall’altro a promuovere l’integrazione sociale e lavorativa dei cittadini di origine pakistana in Italia e a sviluppare politiche comuni per una buona governance dei processi migratori, per un migliore utilizzo delle rimesse e per stimolare investimenti e cooperazione economica tra Italia e Pakistan.

Da queste premesse, Iscos ha organizzato a Roma il seminario: “Italia e Pakistan. insieme per il lavoro dignitoso e lo sviluppo sostenibile”

Il Seminario riveste grande importanza oltre che per i temi trattati – cooperazione allo sviluppo, governance dei processi migratori e inclusione sociale e lavorativa dei cittadini di origine straniera in Italia – per il livello degli ospiti e degli interventi. 

L’appuntamento è per lunedì 7 novembre 2022 alle ore 9, presso l’Auditorium “Carlo Donat Cattin” in Via Rieti 11 a Roma. Saranno presenti rappresentanti del governo, del mondo imprenditoriale e dei sindacati pakistani, nonché rappresentanti di AICS, ILO e delle istituzioni italiane.

Per partecipare occorre registrarsi al link: https://bit.ly/3WDGw5Y

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *