Innovazione nell’agricoltura e nell’educazione alimentare come elementi di resilienza e strumento di pace nella regione di Mopti

Nel 2012, nelle regioni del nord del Mali è iniziato un conflitto che ha generato una profonda crisi, sia politica che umanitaria. La situazione, già precaria in precedenza a causa dell’incapacità dei Governi di rispondere appieno ai bisogni del Pese, ha provocato lo spostamento di persone dalle aree coinvolte dal conflitto verso il sud e verso i paesi limitrofi (Burkina, Niger e Mauritania), che ha portato le comunità di accoglienza a dover ripensare ad una nuova organizzazione della propria vita.

Secondo i dati UNHCR, nel settembre 2015, i rifugiati interni erano 61.920. Tuttora 1.367.724 persone sono ancora rifugiate nei paesi limitrofi mentre 4.234.273 sfollati interni sono rientrati nelle loro aree di origine e 356.735 persone sono rientrate dai paesi vicini.

Secondo i dati dell’equipe Humanitaire Pays OCHA (novembre 2015), 2.250.000 persone si trovano in situazione di malnutrizione moderata e 315.000 in situazione di malnutrizione acuta, su un totale di 17.800.000 abitanti.

Elementi ulteriori di destabilizzazione sono gli eventi climatici avversi che in questi anni hanno colpito duramente il Paese, a cominciare dalle siccità alle inondazioni che hanno contribuito ad aumentare l’indice di malnutrizione e di insicurezza alimentare in tutta l’Area. Ad esempio, circa 14.000 persone a causa delle inondazioni che hanno colpito maggiormente le regioni di Gao, Mopti e Segou tra giugno e settembre 2015, si trovano oggi in una situazione di sicurezza alimentare molto precaria (fonte OCHA).

Secondo l’inchiesta nutrizionale SMART 2015, circa 769.000 persone (709.000 bambini da 6 a 59 mesi e 60.0000 donne incinte e allattanti) possono aver sofferto di malnutrizione nell’arco del 2016.

Nonostante la firma degli accordi di pace a giugno 2015, i conflitti tra gruppi armati continuano e la sicurezza delle persone e delle comunità resta un elemento ad alto tasso di vulnerabilità.

Scarica la Scheda Progetto

Potrebbero interessarti anche...

Vai alla barra degli strumenti