8 marzo, Giornata Internazionale delle Donne – CISL e ISCOS per il Mali

A seguito della guerra nel Nord del Mali, scoppiata all’inizio dello scorso anno, molte famiglie, per lo più composte da donne e bambini, sono state costrette ad abbandonare le loro case ed il loro territorio, trovando accoglienza e rifugio presso le comunità della provincia di Sikasso, nel Sud del Paese. Sikasso è una delle province più produttive del Paese, ciononostante registra un altissimo livello di malnutrizione, che si è ulteriormente aggravato dopo l’arrivo delle famiglie sfollate.

L’ISCOS, presente in Mali fin dalla seconda metà degli anni ’80, con iniziative finalizzate alla creazione ed al rafforzamento di cooperative di produzione e servizi in collaborazione con il sindacato locale dell’UTM, all’interno dei diversi progetti di sviluppo del settore agro-alimentare ha dato e dà spazio ad attività per l’educazione alimentare, con azioni mirate di lotta alla malnutrizione dei gruppi più vulnerabili della società contadina maliana, in collaborazione con il CSRS (Centre de Santé de Référence de Sikasso).

Anche il nuovo progetto finanziato dal Ministero per gli Affari Esteri Italiano, che si avvierà entro la fine del mese di febbraio, prevede attività educative verso le famiglie contadine, per sviluppare un’adeguata alimentazione e nutrizione in particolar modo delle donne in gravidanza e dei bambini, con l’informazione, l’animazione e la dimostrazione nutrizionale, in collaborazione con le strutture sanitarie locali di riferimento.

Verranno coinvolti 39 villaggi in tre diversi comuni della provincia, per un totale di 6.029 famiglie, pari a una popolazione di 36.761 persone.

Con l’ulteriore donazione da parte del Coordinamento Donne CISL si potrà estendere l’azione di lotta alla malnutrizione ad ulteriori 12 villaggi in due comuni della provincia, possono considerarsi beneficiari diretti del progetto le 1.474 famiglie contadine censite, sia un totale di 9.789 persone che avranno benefici indiretti dalle attività svolte (possibilità di partecipare alle sessioni di animazione/informazione/dimostrazione). I tempi di somministrazione saranno in linea coi tempi del progetto che presumibilmente partirà i primi di marzo 2014 e si concluderà i primi di ottobre 2014.

Con queste risorse aggiuntive si potranno acquistare 10 bilance digitali per un importo totale di € 800,00; 10 set di utensili per dimostrazioni culinarie per un importo totale di € 300,00; un lotto di 1.474,00 di ingredienti per le dimostrazioni per un totale di € 2.950,00. Il coordinamento del progetto sarà a cura di un medico nutrizionista e di tre animatrici/facilitatori locali di nutrizione. Il medico nutrizionista ha un costo di €450,00 e le animatrici/facilitatori locali, hanno un costo totale di € 500,00, per tutta la durata del progetto.

 Come già per le altre formazioni, le animatrici locali ed il medico si recheranno nelle scuole dei villaggi per fare i rilevamenti antropometrici, ed effettueranno poi dimostrazioni culinarie nel villaggio. Nei sei mesi di monitoraggio del progetto, assicurato anche dal coordinatore dell’ISCOS in loco, il medico e le animatrici torneranno nei villaggi per il monitoraggio e valutazione del livello nutrizionale.

Altre donazioni provenienti dalle Strutture Confederali e di Categoria, consentirebbero di estendere ulteriormente e di meglio qualificare il progetto.

I risultati del progetto e della campagna saranno disponibili e pubblicati sul sito ISCOS entro il mese di dicembre 2014.

 

Per donare:

Banca Etica – conto corrente ISCOS Emergenza Mali

IBAN: IT95D0501803200000000155753

Causale: Emergenza educazione alimentare per donne e bambini

 

Potrebbero interessarti anche...

Vai alla barra degli strumenti